Portale Italia
icona_it.gif icona_en.gif
US:  
PW:  
Entra
 
    Piemonte --> Torino --> Torino    
Castelli
Borgo Castello de La Mandria | Castello del Valentino | Castello di Govone | Castello di Moncalieri | Castello di Pollenzo | Castello Ducale di Agliè | Castello Reale di Racconigi
Musei
Biblioteca Reale | Galleria Sabauda | Museo Civico di Arte Antica | Museo dell'Automobile | Museo Egizio | Museo Nazionale del Cinema | Museo Nazionale del Risorgimento Italiano
Chiese
Basilica di Superga | Chiesa della Gran Madre di Dio | Chiesa della Madonna del Carmine | Chiesa di San Domenico | Chiesa di San Lorenzo | Chiesa di Santa Maria al Monte | Duomo | Santuario della Consolata
Monumenti
Mole Antonelliana
Archeologia
Teatro Romano
Torri e Fortificazioni
Porta Palatina | Porta Palazzo
Piazze
Piazza Castello | Piazza San Carlo | Piazza Vittorio Veneto
Palazzi
Palazzina di caccia di Stupinigi | Palazzo Carignano | Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja | Palazzo Reale | Reggia di Venaria Reale | Villa della Regina
Teatri
Teatro Carignano | Teatro Regio di Torino
Nuova Pagina
Museo dell'Automobile   
------------------------------

Il Museo dell'automobile, intitolato a Carlo Biscaretti di Ruffia, accoglie le prime vetture italiane, la Bernardi del 1896 e la Fiat del 1899, la Rolls-Royce Silver Ghost, e le auto da corsa firmate Ferrari e Alfa Romeo.
L’idea di allestire un museo di questo genere risale al 1932, su richiesta di Roberto Biscaretti di Ruffia e Cesare Goria Gatti, entrambi sottoscrittori dell'atto di fondazione della FIAT e promotori della costituzione dell'Automobile Club Italiano.
Il 19 luglio del 1933 la Città di Torino deliberò di fondare il museo ma il problema fu quello di trovare la sede adatta. Inizialmente ci si organizzò in un magazzino dell’ex Fabbrica Aquila Italiana finché nel 1938 si giunse al trasferimento nei locali ricavati sotto le gradinate dello Stadio Comunale. La sistemazione però non era molto funzionale.
Si ritornò a parlare di una nuova sistemazione dopo secondo conflitto mondiale.
Nel luglio del 1955 si decise di promuovere la costruzione una nuova sede grazie anche ai finanziamenti provenienti dalle fabbriche di automobili e dalla famiglia Agnelli.
L'Ente "Museo dell'Automobile" nacque il 22 febbraio 1957 invece il museo fu solennemente aperto al pubblico il 3 novembre del 1960 e comprende anche un centro congressi con un auditorium da quattrocento posti.
La sede è composta da due fabbricati principali collegati da due costruzioni trasversali sostenute da quattro pilastri inclinati che rappresentano una delle soluzioni architettoniche più originali.
La facciata convessa lunga 114 metri è retta da una travata in ferro appoggiata su quattro grossi pilastri.
Nell'atrio è disposto un grande pannello-mosaico in ceramica policroma, opera di Felice Casorati, a ricordo di coloro che hanno perso la vista nello sport automobilistico, nonché è esposto il busto in bronzo di Carlo Biscaretti.
Al primo piano sono collocate le scultoree di Lancia, Alfa Romeo e Fiat e il bassorilievo di Giovanni Agnelli.
Il museo oltre ad accoglie ben duecento vetture, telai e una ventina di motori consta di un Centro di Documentazione ove sono raccolte schede tecniche, fotografie, documenti, atti societari, libretti di uso e manutenzione, tariffari, manuali per le riparazioni, depliant commerciali di vendita, e tutto ciò di relativo all'automobile.
All’interno del Museo si trova anche una Biblioteca divisa in sette sezioni.
L'Emeroteca, invece, raccoglie riviste automobilistiche di molti paesi: italiane, francesi, inglesi, americane, belghe, cecoslovacche, spagnole, austriache, sudamericane, sudafricane, svizzere.

 
Modifica Pagina
 
 
Aggiungi Allegato
Regioni Italiane
 
 
 

© byITALY.org Tutti i diritti riservati - All rigths reserved - Privacy