Portale Italia
icona_it.gif icona_en.gif
US:  
PW:  
Entra
 
    Sardegna --> Sassari --> Alghero    
Chiese
Cattedrale di Santa Maria | Chiesa di San Michele | Chiesa di San Francesco
Archeologia
Necropoli di Anghelu Ruju | Nuraghe Palmavera
Itinerari
Promontorio Capo Caccia
Torri e Fortificazioni
Bastioni e Torri Spagnole di Alghero
Nuova Pagina
Cattedrale di Santa Maria   
------------------------------

La cattedrale di Santa Maria situata in piazza del Duomo ad Alghero, venne costruita nel XVI secolo, dopo l'elevazione della città a sede vescovile, sui resti di un preesistente edificio sacro, come ordinava la tradizione gotico catalano.
Nel 1547 si ipotizza siano stati portati a termine i lavori di realizzazione dell’abside, del campanile a canna ottagonale, e del coro con le cinque cappelle radiali, mentre nel 1550 con l’arrivo dell’architetto militare Rocco Capellino, la chiesa fu interessata da un cambiamento strutturale in chiave rinascimentale.
Nonostante non fossero terminati i lavori di realizzazione, l’edificio sacro venne consacrato nel 1593 su commissione del vescovo Bacallar, ed aperto ai fedeli intorno alla prima metà del XVII secolo, non appena ci si apprestò alla copertura del transetto e della crociera con volta a padiglione e a cupola ottagonale inserita su un alto tamburo finestrato.
Il prospetto principale contraddistinto da un alto pronao neoclassico, sormontato da un timpano triangolare poggiante su quattro possenti colonne doriche, preceduto da una scalinata centrale, mostra in tutta la sua bellezza l’antico campanile, simbolo di Alghero, con impianto a canna ottagonale ed elementi stilistici prettamente gotici, basti ammirare il portale fiorito, con colonnine sormontate da archetti ogivali, decorati da sferule e piccoli gigli, le aperture ad arco ogivale disposte lungo le pareti laterali, e la meravigliosa guglia di forma piramidale rivestita di maioliche policrome
L’incantevole interno della cattedrale presenta un impianto a tre navate separate da pilastri alternati a colonne doriche in arenaria, con transetto coperto da cupola ottagonale, e sei cappelle laterali, tre su ciascun lato, impreziosite da pregevoli opere artistiche realizzate da abili artigiani locali, basti citare l’altare in marmo di Carrara della cappella del Santissimo Sacramento, consacrato nel 1824, decorato da un tempietto circolare.
Peculiari anche le cinque cappelle radiali aperte sul transetto, dov’è custodito altresì il mausoleo marmoreo in stile neoclassico, di Maurizio di Savoia, duca del Monferrato, scolpito agli inizi del XIX secolo da Felice Festa su commissione di Carlo Felice di Savoia, fratello del duca.
L’area presbiteriale sorvegliata dall’alto dalla seicentesca cupola ottagonale, è delimitata da una splendida balaustra in marmi intarsiati, opera di Giuseppe Massetti, autore anche dell’altare maggiore, del gruppo scultoreo raffigurante l'Immacolata tra Angeli, e dell'elegante pulpito, nel cui nucleo centrale diparte una scala di accesso sorvegliata da due leoni marmorei.
Da non perdere la visita alla sagrestia, dove si possono ammirare raffinate opere di argenteria, quadri, e molti altri tesori, e l'adiacente Museo Diocesano d'Arte Sacra.

 
Modifica Pagina
 
 
Aggiungi Allegato
Regioni Italiane
 
 
 

© byITALY.org Tutti i diritti riservati - All rigths reserved - Privacy